Taggato: Santi

schiera dei santi

Missione… possibile!

Solennità di Tutti i Santi – Il difetto più grande di noi cristiani è quello di non credere alla nostra santità. Siamo convinti che essere Santi sia una “missione impossibile”, perché crediamo che dipenda da noi, dall’essere disposti a fare sforzi sovrumani. Invece la Santità è dono di Dio, ed è possibile vivere da Santi se – riconoscendo le nostre fragilità – ci “tuffiamo” costantemente nel lavacro spirituale che è la Grazia del Battesimo.

halloween

Neanche per scherzo!

Halloween – Non accontentiamoci delle tante dicerie che cercano a tutti i costi di addolcire e far passare per innocua questa “festa”. Prendiamoci anche solo un quarto d’ora per studiare e documentarci: lo scherzetto non è affatto uno scherzo. Col Male non si scherza, altrimenti ci si fa male.

Sulla tua parola…

Quella di Madre Teresa (come quella dell’apostolo Pietro e di tutti i Santi) è una vocazione che parte dalla consapevolezza che Dio viene a cercarti proprio dove meno te lo aspetti: nel bel mezzo delle tue miserie e dei tuoi fallimenti. Da lì Egli ti risolleva e ti sceglie come Suo prezioso strumento di Amore.

Se hai un Patrono così…

S.Alessandro martire, Patrono della Città e della Diocesi di Bergamo. Patrono è colui che sceglie di sua spontanea volontà di agire da padre e protettore per te, anche se non lo è e non lo meriteresti. Cosa devono fare i figli verso il loro padre? Obbedirgli, imparare da lui, imitarlo, renderlo orgoglioso… Così dovrebbe accadere anche da parte dei figli spirituali verso il loro Patrono. Ma se come patrono si ha un martire?

San Gregorio Barbarigo

Grazie, Signore, per quello che hai dato agli altri invece che a me

S.Gregorio Barbarigo – Viviamo perennemente in competizione. Non una competizione sana, fatta di imitazione delle virtù altrui, quanto piuttosto di una contrapposizione che denigra i difetti altrui, come se bastasse essere un po’ meno peggio degli altri per potersi vantare. Impariamo dai Santi a ringraziare Dio per quello che ha dato ai nostri fratelli.